Poesia e creatività in classe: una testimonianza

L’anno in cui il libro Words and Images fu pubblicato un’insegnante di inglese mi mandò subito dopo Natale una poesia scritta da una sua studentessa di nome Alice Carta che era la ri-scrittura di un testo di Emily Dickinson.

Ebbi con Alice uno scambio di lettere che oggi riporto nel blog (con la sua autorizzazione) come commento ad una attività creativa in classe che è anche un esercizio personale di comprensione profonda del testo di E. Dickinson.

Cara Alice,

Giovanna Zappu mi ha mandato la tua versione personale di It’s all I have to bring today di Emily DIckinson.
Ho letto il testo un pò serio e un pò ironico, osservato la grafica molto comunicativa e con uno straordinario tocco di leggerezza e apprezzato il tuo inglese ‘molto inglese’: il risultato è un testo creativo che sorprende.

Conosco la tua insegnante che è una persona capace di fondere creatività e conoscenza teorica in modi che sorprendono e convincono. Quando preparavo il libro su Emily e ho deciso di inserire questo testo, ho cominciato a leggerlo diverse volte. Più lo leggevo, più capivo che i doni che noi facciamo agli altri dovrebbero essere soprattutto una condivisione di quello che siamo e di quello che riteniamo importante. Quando Emily afferma di voler donare i prati e i campi e il trifoglio attorno al quale si raccolgono le api, vuole in realtà trasmettere sentimenti, emozioni, scelte di vita. Tu hai aggiunto anche gli aspetti lievemente negativi come “the butterflies in your stomach for what I did”. E hai ragione: in un rapporto uno dona anche ciò che lo preoccupa o lo rende ansioso.

Vorrei farti una domanda e chiederti un permesso. La domanda è:  quali sono gli aspetti del testo di Emily che ti hanno portato a scrivere la ‘tua’ poesia? Il permesso è la tua autorizzazione a proiettare il testo che hai creato durante un prossimo seminario sul “leggere e fare poesia in classe”, se mi è concesso un tempo abbastanza ampio da svolgere anche l’aspetto creativo che dà un significato all’apprendimento.

Sono davvero contenta di aver ricevuto il tuo testo: gli insegnanti scrivono i libri anche per questo – perchè gli studenti creino qualche cosa di diverso, personale e più bello. Vederlo realizzato è come un regalo.
Perciò grazie e tantissimi auguri….

Silvana Ranzoli
Poesia e creatività in classe: una testimonianza

Mi chiamo Alice Carta, e studio al Liceo Scientifico “A. Pacinotti” di Cagliari. Mi scuso per risponderle dopo così tanto tempo …. La mia versione della poesia di Emily Dickinson è stata, molto semplicemente, lo svolgimento di un compito assegnato dalla professoressa alla classe…
Mi sono completamente immersa nella ricerca del significato che Emily poteva dare a quel “this” così misterioso e quasi ripetitivo. Ho trovato il testo un po’ malinconico, forse per questo ho reso il mio elaborato tanto ironico. La figura dei campi evoca l’infinito e la condizione dell’uomo davanti all’infinito – il suo non saper reagire adeguatamente davanti a qualcosa di così maestoso e il suo vano tentativo di rinchiudere un piccolo pezzo di infinito personale in un “this” concreto e limitato…

Spesso la mia fantasia vola molto al di là del vero significato delle parole, ma dopotutto credo che Emily abbia voluto consapevolmente lasciarci la facoltà di immaginare il significato di quel pronome da lei ripetuto e donato insieme al suo cuore. Ho quindi deciso di sviluppare il mio elaborato su quel poco che potevo concedere alle persone a me care: tutto quello che sono. E ho cercato di esprimerlo riutilizzando le frasi di Emily, senza però essere banale. La scelta dell’utilizzo di idiomi e frasi di circostanza riferiti al mondo animale non è stata casuale – ho voluto esplicitamente associarli agli elementi naturali utilizzati da Emily. Studio l’inglese da parecchi anni…. Sarei felice se mostrasse il mio lavoro nel suo seminario… Scusi ancora per il ritardo

Alice Carta

It’s all I have to bring today
This, and my heart beside
This, and my heart, and all the fields
And all the meadows wide
Be sure you count – should I forget
Some one the sum could tell
This, and my heart, and all the Bees
Which in the Clover dwell.
Emily Dickinson
Words and Images, p 43.

E’ tutto ciò che ho da offrire oggi,
questo, e insieme il mio cuore;
questo, e il mio cuore, e tutti i campi,
e tutti gli ampi prati.
Ricordati di contare – in caso io dimentichi
qualcuno la somma potrà dire.
Questo, e il mio cuore, e tutte le api
che in mezzo al trifoglio abitano.

Alice's XMas Card

Clicca sulla poesia di A. Carta per visualizzarne l'ingrandimento

Un Commento a “Poesia e creatività in classe: una testimonianza”

  • Anna Maria Cassanmagnago:

    “Da cosa nasce cosa” qualcuno ha scritto: niente di più vero. Forse nei “sogni” degli insegnanti c’è la visione di alunni appassionati che sappiano “produrre” personalmente i loro stati d’animo di fronte a messaggi significativi. Vederli realizzati è una sorpresa e una grande soddisfazione, è il coronamento di tutti gli sforzi che giornalmente si fanno per trasmettere idee, emozioni.
    Complimenti alla studentessa Alice e all’insegnante.

Lascia un Commento

*