Un percorso innovativo per le vacanze estive

Silvana Ranzoli: Un percorso innovativo per le vacanze estive

Agli studenti coinvolti in questo percorso

Scegliete 5 poesie tra quelle presenti nel libro – per esempio 2, 4, 5, 7, 8.
Prima di iniziare a lavorare sui testi, entrate nel blog dedicato a Words and Images per capire come è nato il libro, perché ha un formato insolito, quali sono le funzioni delle illustrazioni, ecc. Potete anche lasciare un commento, chiedere un’informazione o un consiglio: l’autrice vi risponderà.
Per entrare e scrivere nel blog digitate “Un blog per Emily Dickinson” in un motore di ricerca oppure www.alfa-edizioni.it/blog/

Studiate i 5 testi poetici seguendo il percorso tracciato dal libro.
Fate gli esercizi su un quaderno a parte aggiungendo per ciascuno, là dove lo ritenete opportuno, un commento personale in inglese. Ad es., potete descrivere le difficoltà incontrate, introdurre un’osservazione/una scoperta personale, un collegamento significativo, ecc.

Le poesie sono tutte illustrate da immagini o grafici. Concentratevi su due o tre testi poetici tra quelli indicati e cercate di capire il rapporto testo-immagine. Poi provate a sostituire almeno due immagini o grafici tra quelli proposti dal libro. Quando li riportate sul quaderno o li inserite in una vostra presentazione in PowerPoint non dimenticate di registrare i dati relativi all’immagine o al grafico e di menzionare le ragioni della vostra scelta.

Studiate a memoria almeno due dei testi scelti, ascoltando la versione sul CD allegato al libro.
Preparatevi a recitarli in classe con un sottofondo musicale scelto da voi.

Come fase conclusiva del percorso preparate tre slides, possibilmente in PowerPoint.

  • La prima deve presentare una definizione delle poesia di Emily Dickinson sulla base dei testi che avete studiato.
    Potete, se volete, completare la frase “Emily Dickinson’s poetry is….” con una serie di aggettivi (5-8.)
    Trovate un esempio di  come impostare l’attività nell’ultima slide delle risorse online relative al libro:
    digitate: risorse online E. Dickinson Words and Images di S. Ranzoli oppure www.alfa-edizioni.it/risorseonline.php.
    Non ripetete il modello ma costruitene uno vostro.
  • Assicuratevi di conoscere esattamente il significato degli aggettivi che scegliete e create un glossario sulla seconda slide.
  • Nella terza slide riassumete la vostra esperienza personale di poetry reading.
    Scrivete uno o due paragrafi di cui il primo può iniziare nel modo seguente: “Reading poetry means…“.
    A ciascuna delle tre slides potete aggiungere una o più immagini per visualizzare e rinforzare il messaggio che volete comunicare.

Non dimenticate mai di consultare il glossario dei termini letterari e quello dei termini artistici posti alla fine del libro.
Il percorso deve essere svolto in lingua inglese.
Un percorso innovativo per le vacanze estive - Silvana Ranzoli

Agli insegnanti delle classi coinvolte in questo progetto

Il numero e la scelta delle poesie oggetto del percorso dipendono dal profilo della classe e dalla programmazione prevista. Le poesie più facili (adatte anche alla scuola media) sono: 1, 2, 3, 7, 8.
L’insegnante può introdurre il percorso prima delle vacanze consultando altresì la presentazione del libro su Internet e le relative risorse online.  Può ampliare i compiti assegnati come meglio crede arrivando anche a chiedere agli studenti di curare la presentazione multimediale di una poesia di Emily Dickinson diversa da quelle sviluppate e visualizzate nel libro (vedere i testi riportati a pagg. 84-5)
Al ritorno dalle vacanze dopo aver intervistato gli studenti sul percorso fatto e preso visione dei materiali prodotti, l’insegnante può completare il percorso che rappresenta un approccio completo ed operativo al genere poesia con intersezioni nell’ambito dell’arte e delle scienze (CLIL) che creano numerose occasioni di utilizzo produttivo e coinvolgente della LIM.
Gli studenti potrebbero organizzare una giornata sulla lettura della poesia con l’aiuto dell’insegnante di L2 ed  in collaborazione  con l’insegnante di lettere e dell’autrice.

Lascia un Commento

*